menupizza.it - storia e ricette della pizza in Italia e nel mondo

Informazioni:

Scrivici info@menupizza.it

in Pizza News

Ormai esistono davvero tutti i tipi di gusti di gelato, ma, anche quando si pensava di aver provato veramente di tutto, ecco che Napoli ci stupisce con una nuova trovata: il gelato al gusto pizza. L’idea non poteva che essere nata dalla collaborazione del famoso pasticcere Marco Infante e del maestro pizzaiolo più conosciuto a Napoli, Gino Sorbillo. D’altronde, non c’era altro posto migliore al mondo per poter “lanciare” questa novità.

Il gelato al gusto pizza, proveniente direttamente dall’angolo partenopeo d’Italia, è nato da ingredienti prettamente salati che, come nessuno potrebbe mai aspettarsi, sono diventati dolci grazie all’intervento del noto pasticcere proprietario della catena Leopoldo-Infante.

 

Questo originalissimo gelato è costituito da fior di latte di Vico Equense, confettura di pomodoro San Marzano Dop Gustarosso, basilico liofilizzato spolverato direttamente sopra e, infine, da dei pezzi di pizza bianca tostata, realizzata con farina di agricoltura biologica.

 

Vi sta già venendo l’acquolina in bocca? Purtroppo, per poter gustare questa pizza-gelato bisognerà obbligatoriamente recarsi a Napoli, resta, quindi, ancora un sogno per le altre regioni d’Italia, ma speriamo che l’idea si diffonderà presto in tutto il Paese. Il gelato al gusto pizza può essere assaporato nei numerosi punti vendita “Casa Infante”, distribuiti per tutto il territorio napoletano, da Vomero a Chiaia, fino al centro storico.

 

La collaborazione tra Infante e Sorbillo continua a stupirci e, dopo il gelato al tarallo, ecco nascere una nuova e interessante idea, che riesce a unire due tradizioni completamente diverse del nostro Paese. Chissà come sarà il gusto, anche se, i nomi noti e la qualità degli ingredienti, sono certamente una garanzia per un risultato finale da leccarsi i baffi!

 

Un gelato da non perdere per poter dire di aver provato veramente di tutto. Ancora una volta l’inventiva napoletana e italiana continua a stupirci.

publisher
back to top